Guarire non è facile. Le fasi del processo di recupero

Per l’ennesima volta giusto in questi giorni incontro una situazione di sofferenza psichica e relazionale in cui sia la madre che l’accompagnava che la figlia che chiedeva aiuto, esprimevano all’unisono una richiesta potente: dica cosa dobbiamo fare; ce lo dica chiaro, senza fronzoli o tentennamenti. Siamo abituate a sopportare situazioni difficili, mi dicono, quindi non si faccia scrupoli: ci detti cosa dobbiamo fare e lo faremo. L’attesa è di finirla con tutte quelle sofferenze: diamoci un taglio e subito.

L’urgenza provocata dal dolore e la voglia di riprovare una specie di ebbrezza di liberazione spinge a porre domande così grosse. La vostra è una richiesta potente di chi vuole tutto e subito. Un’attesa miracolistica. A parte le mie limitazioni che garantiscono che al più posso impegnarmi seriamente nel dare una mano, ma di miracoli non ne so fare, richieste così sono giustificata dall’ansia ma assolutamente insensate.

Possono diventare una trappola per qualche terapeuta che si sente investito di poteri straordinari di cui può sentire l’effimera forza. Ma rimangono regolarmente nel periodo medio-breve inevitabilmente disattese.

A volte le cronache riferiscono di terapeuti santoni che propalano metodi taumaturgici apocalittici. Non si capisce mai davvero bene se ci credono anche loro che vendono quei metodi o se lo fanno solo per irretire chi è fragilizzato da storie di sofferenza insopportabili. Per quel che mi riguarda di fronte a domande così assurde ed apparentemente potenti declino garbatamente, si fa per dire, temo che mi assegniate un compito che non potrà assumere: la via del recupero da situazioni di disturbo mentale e del comportamento.

 

Capire fasi di cambiamento nel processo di recupero

Recupero da un disturbo alimentare può essere un processo lungo che richiede non solo un team qualificato di professionisti, ma l’amore e il sostegno di familiari e amici. Non è raro che qualcuno che soffre con l’anoressia o la bulimia a volte di sentire incerto circa il suo progresso, o per i suoi cari a sentirsi disimpegnati dal processo di trattamento. Questi potenziali blocchi stradali possono, purtroppo, portare a sentimenti di ambivalenza, progressi limitati, e il trattamento abbandonare. Pertanto, conoscere le fasi di cambiamento del modello, come definito da Prochaska e Di Clemente, aiuterà tutti coinvolti meglio negoziare la strada della ripresa.

 

Quali sono le fasi di cambiamento?

Ci sono cinque fasi di cambiamento che si verificano nel processo di recupero: Pre-contemplazione, Contemplazione, Preparazione, Azione e manutenzione.

Il  PRE-CONTEMPLAZIONE FASE  è evidente quando una persona non crede lei ha un problema. Coloro che sono vicino a lei sono destinati a salire su sintomi come mangiare restrittiva, il ciclo di binge / spurgo, o una preoccupazione con il peso, la forma e l’aspetto ancor prima che l’individuo ammette di esso. Lei può rifiutare di discutere l’argomento e negare ha bisogno di aiuto. In questa fase, è necessario educare delicatamente l’individuo sugli effetti devastanti della malattia avrà sulla sua salute e la vita, e gli aspetti positivi di cambiamento.

 

GLI STADI DEL CAMBIAMENTO DEL MODELLO È DESTINATO A SPIEGARE O PREVEDERE IL SUCCESSO DI UNA PERSONA A MODIFICARE IL COMPORTAMENTO PROBLEMATICO.

 

La  CONTEMPLAZIONE FASE  si verifica quando l’individuo è disposto ad ammettere che lei ha un problema ed è ora aperto per ricevere aiuto. La paura del cambiamento può essere molto forte, ed è in questa fase che uno psicoterapeuta dovrebbe aiutare l’individuo a scoprire il funzionamento del suo disturbo alimentare in modo che possa capire perché è nella sua vita e di come non è più lei serve. Questo, a sua volta, aiuta l’individuo per avvicinarsi verso la prossima fase di cambiamento.

La persona transizioni in  FASE DI PREPARAZIONE  , quando lei è pronta a cambiare, ma è incerto su come farlo. Il tempo è trascorso stabilire specifiche capacità di coping, come l’impostazione dei confini e l’assertività, modi efficaci di trattare con pensieri negativi disturbi alimentari ed emozioni, e modi per tendere ai suoi bisogni personali. Sono identificati potenziali ostacoli al cambiamento. Un piano d’azione è stato sviluppato dal team di trattamento, (cioè psicoterapeuta, nutrizionista, e medico), così come i singoli membri della famiglia e designati. In generale, un elenco di persone da chiamare nei momenti di crisi si crea in questo frangente.

L’  AZIONE SCENICA ha inizio quando la persona è pronta ad attuare la sua strategia e confrontarsi con la testa comportamento disturbo alimentare su. A questo punto, si è aperto a provare nuove idee e comportamenti e disposti ad affrontare le paure in modo che il cambiamento avvenga. Confidando il team di trattamento e la sua rete di sostegno è essenziale per rendere l’azione scenica di successo.

La  MANUTENZIONE FASE  evolve quando la persona ha sostenuto la fase di azione per circa sei mesi o più. Durante questo periodo, si sta praticando attivamente i suoi nuovi comportamenti e nuovi modi di pensare, così come costantemente utilizzando sia sana cura di sé e capacità di coping. Parte di questa fase comprende anche la rivisitazione potenziali trigger per prevenire le ricadute, stabilendo nuove aree di interesse, e cominciando a vivere la sua vita in modo significativo.

 

Cosa significano le fasi di cambiamento sembrano?

Le fasi del cambiamento nel processo di recupero da anoressia o bulimia sono più visti come un ciclo, piuttosto che una progressione lineare. La persona può passare attraverso questo ciclo più di una volta o potrà rivisitare una particolare fase prima di passare al successivo. Può anche passare attraverso le fasi per ogni singolo disturbo alimentare sintomo. In altre parole, se si sta riprendendo da anoressia, lei potrebbe essere in fase di azione per mangiare restrittiva (ad esempio, mangiare tre pasti al giorno con snack, impegnandosi nel mangiare sociali, e utilizzando il sistema di supporto), mentre, allo stesso tempo, lei potrebbe essere passare attraverso la contemplazione della fase a immagine del corpo e peso preoccupazioni (ad esempio, prendere coscienza di come l’immagine del corpo è legato al autostima e autostima, definirsi come un corpo o un numero, e di individuare gli aspetti negativi della lotta per la “corpo perfetto”). Questo è precisamente il motivo per cui il recupero di un disturbo alimentare è complesso, individualizzato, e stimolante.

 

I genitori e gli amici … conoscere il vostro ruolo nelle fasi di cambiamento

Come un genitore o un amico di una persona alle prese con un disturbo alimentare, senza dubbio soffre insieme a lei. E ‘fondamentale per poter prestare attenzione alle proprie esigenze così come essere presenti per il vostro bambino o un amico durante il suo processo di recupero. Ecco cosa si  può fare in ogni fase:

 

PRE-CONTEMPLAZIONE:

  • Non essere in negazione di tuo figlio o un amico “s disturbo alimentare.
  • Essere consapevoli dei segni e dei sintomi.
  • Evitare di razionalizzare il suo comportamenti alimentari disordinati.
  • Apertamente condividere i tuoi pensieri e le preoccupazioni con il vostro bambino.

 

LA CONTEMPLAZIONE :

Se il bambino è di età inferiore ai 18, insistono sul fatto che lei riceve un aiuto professionale da uno specialista di disturbi alimentari qualificato.

  • Educare te stesso su questo disturbo.
  • Essere un buon ascoltatore.
  • Non cercare di “risolvere” il problema da soli.
  • Cercate il vostro incoraggiamento da un gruppo di sostegno disturbo alimentare locale per la famiglia e gli amici.

 

PREPARAZIONE:

  • Identificare ciò che il vostro ruolo è nel processo di recupero.
  • Esplorare i propri pensieri e le credenze di cibo, il peso, la forma e l’aspetto.
  • Chiedete al vostro bambino / persona amata e la squadra di trattamento come si può essere meglio coinvolti nel processo di recupero e che cosa potete fare per essere più favorevole.

 

AZIONE:

  • Seguire le raccomandazioni del team di trattamento “s.
  • Rimuovere i trigger dal proprio ambiente: non alimenti dietetici, senza scale, nessuno stress.
  • Essere caldo e attento, ma adeguato e determinato con i confini, regole e linee guida.
  • Rafforzare cambiamenti positivi senza concentrarsi su peso, forma, o aspetto.

 

MANUTENZIONE:

  • Applaudire il vostro bambino “s sforzi e successi.
  • Continuare a regolare ai nuovi sviluppi.
  • Ridefinire i confini di casa, se necessario.
  • Mantenere le comunicazioni positive.
  • Essere a conoscenza di possibili ricadute recupero.

 

Una possibile Sesta tappa:  LA FASE DI TERMINAZIONE E LA PREVENZIONE DELLE RICADUTE

Quindi, come si fa, la persona con l’anoressia o la bulimia, sapere quando è il momento di interrompere il trattamento?Con la consapevolezza che questa decisione è meglio realizzato in collaborazione con il team di trattamento, porsi le seguenti domande:

  • Ho imparato le fasi di cambiamento nelle principali aree della mia disturbo alimentare?
  • Devo le capacità di coping necessarie per mantenere questi cambiamenti?
  • Ho un piano di prevenzione delle ricadute in atto?
  • Sono disposto a riprendere il trattamento in futuro, se necessario?

 

Per evitare recidivante non dimenticate di chiedere aiuto, comunicare i vostri pensieri e sentimenti, affrontare e risolvere i problemi che si presentano, vivere una vita sana ed equilibrata, e ricordate che non avrebbe fatto fino a questo punto, se non fosse per il vostro forte determinazione e dedizione verso la guarigione.

 

* Il pronome “lei” viene usato al posto di “suo / la sua” ai fini della semplificazione Da Sarah R. Brotsky, Psy.D.

 

Umberto Nizzoli

written by

The author didn‘t add any Information to his profile yet.
Related Posts

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Subscribe without commenting